Il giorno dell’innocenza di Michael Connelly

Reader Rating0 Votes
4
Imperdibile
Ordina

Il giorno dell’innocenza

Dopo aver fatto scarcerare un detenuto ingiustamente incarcerato per 14 anni il celebre avvocato con la Lincoln Mickey Haller si mette alla ricerca di nuovi casi simili e incarica della ricerca l’investigatore in pensione Harry Bosch.

Questi spulciando tra le migliaia di lettere arrivate all’avvocato trova il caso di una donna detenuta per l’omicidio del marito un agente della polizia che ha patteggiato la colpa ma si professa innocente.

Haller e Bosch faranno di tutto per far annullare la pena scontrandosi con istituzioni, mafia e corruzione.

Il diritto di habeas corpus verifica la sussistenza di precisi presupposti giuridici ed evitare una detenzione senza concreti elementi di accusa.

Nel corso della storia è stato un importante strumento per la salvaguardia della libertà individuale contro l’azione arbitraria dello Stato.

Nato in Inghilterra si è poi esteso a tutti i sistemi giuridici occidentali.

…è il mezzo sacro per consentire la liberazione di coloro che possono essere stati imprigionati senza un motivo sufficiente. Salvaguarda la nostra libertà, ci protegge da azioni arbitrarie e al di fuori della legge dello stato

Parto da questa definizione perché il nuovo caso dell’avvocato con la Lincoln, in Il giorno dell’innocenza, parte proprio con una scarcerazione.

Ochoa è rimasto in carcere per anni, ma era innocente e ne è uscito solo grazie alla squadra di Haller.

Haller, allora, decide di occuparsi di più casi come questo.

Si rende conto che ci sono delle falle nella giustizia e molte persone sono rinchiuse ingiustamente.

Nel mio lavoro c’erano verdetti di non colpevolezza da ricordare, controinterrogatori da assaporare e momenti adrenalinici in cui sai che la giuria pende dalle tue labbra. Nel corso degli anni li avevo sperimentati tutti. In abbondanza. Ma niente batte il cammino della resurrezione, quando le manette vengono tolte e le ultime porte di metallo si aprono come i cancelli del paradiso, e un uomo finalmente dichiarato innocente esce ad abbracciare la famiglia in attesa, risorto a nuova vita, anche agli occhi della legge. Non c’è sensazione migliore al mondo che stare con quella famiglia e sapere di essere stato l’artefice di quel momento.

Per sviluppare questo nuovo progetto, oltre alla squadra collaudata di Lorna e Cisco si aggiunge il fratellastro Bosch, ex detective in pensione che ha accettato di aiutarlo anche per ottenere una assicurazione sanitaria e poter entrare in una sperimentazione contro il cancro.

Bosch mette tutta la sua esperienza e il suo “fiuto” per trovare il caso giusto tra le tantissime lettere arrivate dalle varie carceri sulla scrivania di Haller.

Il caso giusto è quello di Lucinda Sanz in carcere da 5 anni per l’omicidio a colpi di fuoco del marito.

All’epoca del processo la donna ha patteggiato la pena consigliata dall’avvocato dell’epoca che ha messo pochissimo impegno nella sua difesa.

La squadra di Haller si trova invischiata in un caso molto più complesso di quanto non sembri, con al centro interessi che se ne fregano di una vita innocente rinchiusa, dalla mafia alla corruzione della polizia.

Ne Il giorno dell’innocenza, l’indagine è serrata e i vari colpi di scena tengono letteralmente incollati alle pagine.

Si passa dalle “beghe famigliari” alla ricerca del dna tattile in poche pagine , dall’incapacità del sistema giudiziario di stare al passo con le nuove tecnologie al geofencing in pochi capitoli.

Quello che colpisce di più è la lentezza delle istituzioni giuridiche nel fare propri i nuovi mezzi scientifici per ammetterli come prove.

È una richiesta quella di Connelly di adeguare la giustizia ai progressi scientifici che compare non troppo velatamente nelle pagine del romanzo.

I personaggi principali sono , come sempre del resto, tratteggiati egregiamente.

Nella prima parte de Il giorno dell’innocenza, Haller è quasi scalzato dalla presenza di Bosch, la cui indagine, sensazioni e salute vengono descritti minuziosamente ma senza diventare pesanti.

L’avvocato con la Lincoln è invece nella fase migliore: non più alla ricerca di casi eclatanti per pagarsi i cartelloni pubblicitari in giro per Los Angeles, ma alla ricerca di casi che gli lascino qualcosa a livello umano.

Parla addirittura di “resurrezione” e la sua crescita rende ancora più unica questa lettura.

Traduzione: Alfredo Colitto
Editore: Piemme
Pagine: 432
Anno pubblicazione: 2023

Michael Connelly è uno scrittore statunitense di thriller.

Laureatosi in ingegneria nel 1980 comincia a lavorare presso la redazione di alcuni giornali.

Nel 1986 produce un reportage insieme ad altri due giornalisti intervistando i sopravvissuti di un disastro aereo. Il loro lavoro viene candidato per il Premio Pulitzer.

In seguito a questa esperienza Connelly trova impiego come giornalista criminologo al «Los Angeles Times». Vincitore del Premio Bancarella nel 2000 con Il ragno, la maggior parte dei suoi libri riguarda le indagini di un detective del Dipartimento di Polizia di Los Angeles, Hieronymus “Harry” Bosch.

Del 2011 è L’uomo di paglia, mentre la saga relativa a Harry Bosch è giunta al diciannovesimo capitolo con Il lato oscuro dell’addio del 2018.

I suoi libri sono stati tradotti in 31 lingue diverse; in Italia sono stati pubblicati inizialmente da Hobby & Work, e ora sono editi da Piemme.

L’autore è stato insignito nel 2010 del prestigioso Raymond Chandler Award, il premio letterario istituito da Irene Bignardi nel 1996 in collaborazione con il Raymond Chandler Estate dedicato alla scrittura noir.

Il giorno dell’innocenza di Michael Connelly
Concludendo
Una difesa diversa dal solito per l’avvocato con la Lincoln: tentare di far scarcerare una donna innocente accusata di aver sparato al marito.
Reader Rating0 Votes
Pro
La crescita dei personaggi
Contro
Nessuno
4
Imperdibile
Ordina