“L’angolo dei ragazzi in giallo” consiglia …

“L’angolo dei ragazzi in giallo” consiglia …

Le vacanze sono l’occasione ideale per scoprire o riscoprire il piacere della lettura, L’angolo dei ragazzi in giallo vi propone, di seguito, una carrellata di titoli tra cui poter scegliere il compagno più adatto per questi giorni di festa.

Neve Rossa

(Età di lettura: da 10 anni.)

“Vlady, 13 anni, appassionato di cinema e di romanzi di avventura, ha occhi e mente da detective. Del resto, con la madre poliziotta e lo “zio” Lafortezza commissario… Curioso e scanzonato, gironzola spesso per le vie del centro della sua Torino, dove un giorno si imbatte nell’ombra che imporrà una svolta del tutto imprevista e mozzafiato alle sue giornate. Sotto Natale, le strade sfolgoranti di luci e le vetrine dei negozi come piccoli luna-park, una figura nebbiosa difatti si aggira seminando paura e morte. Due ragazzi dell’età di Vlady sono le prime vittime, e altre ne seguono a raffica. Il commissario Lafortezza e il suo braccio destro Vlady si rimboccano subito le maniche per dare un volto al serial killer, schivando silenzi complici, agguati, depistaggi e bastoni tra le ruote.”

Un giallo che, oltre a stimolare l’intelletto dei ragazzi, celebra uno dei valori più importanti per la loro crescita: l’amicizia e il legame di fiducia che si può instaurare con gli adulti.

QUI recensione completa

Uccelli del malaugurio

(Età di lettura: da 12 anni.)

“Ispirato al film “Gli uccelli”, capolavoro horror di Alfred Hitchcock. Sull’auto di famiglia, Dafne sospira di noia al pensiero di trascorrere due settimane in campeggio con i genitori. Ma all’improvviso… Bang! Un uccello si schianta contro il parabrezza. Inizia così una lunga serie di avvenimenti destinati a trasformare le vacanze in un vero e proprio incubo.”

La storia, nonostante la presenza degli elementi noir possa impressionare i lettori più sensibili, conserva comunque al suo interno uno spirito e un messaggio positivi , insegnando ai ragazzi a non arrendersi davanti alle difficoltà, a non abbandonare mai la speranza che le cose possano cambiare e soprattutto ad essere artefici del proprio destino.

QUI recensione completa

Bambini di cristallo

(Età di lettura: da 11 anni.)

“A Billie non piace affatto la nuova casa in cui si è trasferita con sua madre. Mobili tarlati e oggetti polverosi, resti spettrali dei precedenti inquilini, riempiono la vecchia abitazione, la vernice si scrosta dai muri e ovunque c’è un odore particolare, come se nessuno la abitasse da parecchio tempo. Ma non solo: strane cose accadono, specialmente di notte, quando tutti dormono. Tutti tranne Billie che, con gli occhi sbarrati nell’oscurità, sente con crescente terrore inquietanti rumori sul tetto, e movimenti misteriosi che provengono dal piano di sotto. I vicini e la comunità locale stanno nascondendo qualcosa, un segreto sull’edificio e sul suo passato. Quando appaiono dal nulla due misteriose statuette di cristallo il mistero si infittisce, ma la madre di Billie pensa che si tratti solo di fantasie della figlia e del suo nuovo amico Aladdin. Così i due ragazzi si troveranno a fare i conti da soli con la tragica storia della casa…”

Bambini di cristallo” è decisamente un piccolo gioiello della narrativa per ragazzi in grado di appassionare e coinvolgere anche un lettore adulto che scoprirà leggendo, come è accaduto nella storia alla mamma di Billie, che la sensibilità di un ragazzo non va mai sottovalutata !

QUI recensione completa

Le ceneri di Alisea

(Età di lettura: da 11 anni.)

“E se ti dicessi che esiste una città che ha per nome un vento, Alisea, in cui il tempo atmosferico cambia da una via all’altra in base all’ora e al giorno della settimana? Una città in cui gli abitanti nascono con occhi prodigiosi, che li rendono parte di uno Stormo ben preciso? Come i Nestor, capaci con un solo sguardo di sapere se pioverà o farà bello, oppure i Capovaccai, che riescono a vedere i bambini invecchiare nel giro di un secondo, o i Falcetti, in grado di scorgere le emozioni altrui svolazzare come insetti. Ma non è solo questo a rendere singolare Alisea, no… Ci sono anche le sue beffarde torri campanarie – la Papessa, l’Appeso, gli Amanti e il Bagatto – che stanno a guardia del Quadrato Magico, un luogo sinistro in cui nessuno sano di mente metterebbe mai piede. E vogliamo parlare del galleggiante Mercato delle Granaglie, in cui si fanno affari scambiando Promesse e Giuramenti? Senza dimenticare Orior, la misteriosa febbre che miete vittime, e neppure l’Ora Burrascosa, quando si scatenano tempeste che distruggono ogni cosa…”

La storia di Alisea e della giovanissima Calpurnia diventano l’occasione per sensibilizzare i giovanissimi su due tematiche di grande importanza e attualità: il clima e i suoi cambiamenti e le diversità che sfociano spesso in episodi di discriminazione e razzismo.

Un romanzo che merita di essere letto, e non soltanto da un pubblico giovane, per la sua capacità di catturare l’interesse, di stimolare riflessioni e interrogativi e di affascinare con la sua magica atmosfera.

QUI recensione completa

Così imparate ad uscire di notte

(Età di lettura: dai 12 anni)

“Verso sera, vicino a un cantiere, Olivier e Matilde fanno una strana scoperta: lo zaino di un bambino, seminascosto nella terra appena scavata. Dentro, una piccola maglietta e una vecchia bussola. A chi appartiene lo zaino? E chi è quell’uomo che si aggira lì vicino con il suo cane? I due ragazzi lo scopriranno presto, a loro rischio e pericolo.”

Consigliato ai lettori dai dodici anni, il racconto scorre veloce e, con un linguaggio e una metodologia narrativa adeguati alla loro età, pone all’attenzione dei ragazzi che leggono fatti di cronaca sempre drammaticamente attuali.

QUI recensione complet

Battle zone

(Età di lettura: dai 12 anni)

“Incastonato a cinquecentocinquanta metri in mezzo agli Appennini, sotto al Monte Penna, Gualdo Tadino è la sonnacchiosa cittadina di provincia dove nel cuore degli anni ’80 Luca, prossimo alla seconda media, vive da qualche tempo con la sua famiglia. Ha girato mezz’Italia per via del lavoro del padre, un tenente colonnello dell’esercito, ma ormai lui e la straripante sorellina Marica si sono ambientati. Luca ha due grandi passioni che nutre praticamente in solitaria, il metal di cui è un fan sfegatato, e la Guerra fredda…

Un romanzo che nasce come libro per ragazzi, ma che sa parlare anche agli adulti, gli ex ragazzini vissuti negli anni 80, all’epoca della Guerra Fredda, delle vacanze estive che duravano tre mesi, trascorsi tutti nelle case al mare, dove il papà raggiungeva la famiglia a Ferragosto, delle feste in casa alle quattro del pomeriggio, delle illusioni e dei grandi sogni, perché “se a dodici anni non sogni di cambiare il mondo, ti rassegni da subito all’irrilevanza, al grigiore” !

QUI recensione completa